Iniziamo un nuovo periodo, Resilienza, Rinascita.
Si sentono spesso pronunciare queste parole, ovunque, tv, giornali, talk show, trasmissioni politiche, editoriali, siti, social…..
Non abbiamo bisogno di spiegare il loro significato ormai di uso comune, abbiamo però bisogno di agire in concreto, è terminato il tempo delle parole, dei progetti e delle promesse, è arrivato il momento di pedalare!
Per iniziare un nuovo periodo ho deciso di farlo con il botto. Una bella randonèe, La Randonnée Carlo Galetti.
Da MILANO a GENOVA andata e ritorno.
Partenza Sabato 8 maggio ore 06.00 della mattina dalle porte di MILANO.
Prima parte di 110 chilometri in pianura tra le strade del parco agricolo sud di Milano. Dopo la partenza da ZIBIDO SAN GIACOMO, punto di controllo n° 1, si andrà in direzione della Lomellina fino al 2° controllo di PIEVE DEL CAIRO al km 63,7.
Si affronteranno quindi le prime colline in provincia di Alessandria fino al 3° controllo di CARPENETO, km 128,4, cui farà seguito di li a poco la lunga discesa fino a Acqui Terme. Si salirà verso l’Appennino ligure fino a Sassello e al valico di Giovo per scendere a Varazze e raggiungere Genova e a seguire il 4° controllo a PONTEDECIMO, km 240,8.
Successivamente si affronterà la salita verso passo dei Giovi e si scenderà fino a Busalla dove poco dopo si imboccherà la salita della Castagnola. Discesa tecnica fino a Voltaggio e fondovalle fino a raggiungere il 5° punto di controllo di GAVI, km 275,8. La nostra pedalata proseguirà fino ad Arquata Scrivia, saremo arrivati a questo punto a metà del viaggio di ritorno. A questo punto la strada tornerà a salire verso la Val Borbera fino all’incrocio per Garbagna, paesino che si raggiunge superando l’omonimo facile valico. Dopo qualche chilometro di discesa lungo la valle del torrente Grue e si incontrerà l’ultima novità finale della randonnée. Si affronterà il valico di Casasco che consente di scendere in val Curone e infine con lungo falsopiano in discesa fino quasi a Tortona. Gli ultimi 90 chilometri sono privi di difficoltà e si snodano verso Pavia su strade prevalentemente secondarie, escluso il tratto che dal ponte del fiume Po raggiunge la città di Pavia. Fine della randonnée a ZIBIDO SAN GIACOMO controllo n° 1 – i punti più suggestivi del tracciato sono il ponte di barche di Bereguardo sul fiume Ticino e Ponte Vecchio di Pavia, oltre naturalmente al tratto di costa ligure da Varazze a Genova.
Totale 389 km, 3000 – 4000 metri di dislivello positivo, tempo massimo previsto 27 ore.

Summary
Riprendere dopo la pandemia
Article Name
Riprendere dopo la pandemia