Ho sempre pensato alla città come ad un enorme organismo pulsante.
A ben rifletterci essa ha dei suoni propri. Potreste mai pensare a New York senza il sassofono di Byrd?

Una città ha un’anima propria, e credo debba essere identificata con una topografia di volti e storie.
Ed allora cosa accade se in un organismo vitale, lo stato dei polmoni inizia a subire delle alterazioni?
Questo dubbio attanagliante è alla base di tutto il diritto ambientale.
Ho provato ad organizzare una nuova passeggiata nel Bosco di Capodimonte. Certo non una normale passeggiata, bensì una di quelle come amavano fare gli antichi filosofi greci, in cui è naturale porsi delle domande. Le mie ambizioni da nuovo Socrate sono subito state ridimensionate. Ho trovato il parco chiuso. La motivazione riguarda dei lavori che si starebbero effettuando per manutenere degli alberi. La cosa mi puzzava.
Certo, da una ricerca su google maps la situazione dei lavori interni non mi appariva confortante. Un’attività di ristrutturazione basatasi su una antica planimetria ha riesumato un perimetro ormai riconquistato dalla natura ed ha permesso l’edificazione sullo stesso.

Tempi strani i nostri, i cui se proprio non è possibile passeggiare tra gli alberi lo si può però fare in rete.
Ora, non vorrei sembrare sbroccato, ma preso da questo entusiasmo per la mieutica, il metodo con cui i socratici, sicuri di non sapere ma desiderando arrivare alla conoscenza ponevano domande, ho iniziato a digitare quesiti.
Quale ditta ha vinto gli appalti per i lavori? La rete, sorprendentemente, ribaltando gli epiloghi socratici mi rispondeva: http://www.niiprogetti.it/nii-news/aggiudicati-i-lavori-per-il-parco-capodimonte/
Incoraggiato dalla risposta ponevo un ulteriore quesito su questa Lande Srl, e la rete nel disvelarmi la sua genesi mi chiariva una singolare epifania:
www.notavterzovalico.info/2014/01/24/ci-mancavano-solo-le-mani-della-camorra-sul-terzo-valico/

Quindi la Lande srl sarebbe nata, a stare ai redattori dell articolo, dalla caducata Giardini e Paesaggi menzionata in un rapporto dei Ros relativo al G8 in Abruzzo oggetto di una interpellanza parlamentare:

nel rapporto dei carabinieri vengono evidenziate anche le possibili connessioni di un altro Consorzio, lo Stabile Novus, che ha partecipato ad alcune gare e, attraverso una delle società, la Giardini e paesaggi, si è aggiudicato la sistemazione delle aree verdi in occasione del G8.
Annotano i carabinieri che amministratore dello Stabile Novus è Mario Buffardi, regista occulto è Antonio Di Nardo al quale fanno capo la Soa e la Promocert. Di Nardo ha avuto rapporti di affari con Carmine Diana, legato a Francesco Bidognetti del clan dei Casalesi. La Soa ha rilasciato il certificato di attestazione alle seguenti imprese: Aerre costruzione Srl il cui amministratore unico Antonio D’Oriano, fratello di Vincenzo ritenuto inserito nel clan camorrista di Ferdinando Cesarano e alla Edrevea SpA il cui socio Crescenzio Verde è stato arrestato e poi prosciolto ai sensi dell’art. 416-bisdel codice penale.

Ora saranno ben chiare a tutti almeno due cose. Il mio amore per Socrate e per le piante. Tra le piante se ne può rinvenire una appartenente alla famiglia delle apiaceae che mi aggrada meno, la cicuta.
Questa però è un’altra storia. Mi piace sottolineare invece il fatto che il 99% della biomassa del pianeta rientra nei confini del regno vegetale. La vita umana senza questo regno confinante, o anche combaciante al nostro politico sarebbe impossibile. L’ultima domanda riguarda il senso di una guerra dichiarata a tale regno.