OCEANUS è membro della coalizione internazionale OCEAN2012, recentemente promossa e coordinata dal Gruppo Ambiente Pew con l’obiettivo di contribuire alla Riforma della Politica Comune della Pesca dell’Unione Europea entrata in vigore all’inizio del 2012.

Alla luce dell’allarme lanciato dalla FAO che ha evidenziato che l’88% degli stock ittici sono sfruttati al massimo o sovrasfruttati, la Campagna di Ocean2012 mira a fermare la pesca eccessiva, porre fine alle pratiche di pesca distruttive e garantire un giusto ed equo utilizzo delle risorse ittiche, assicurando l’abbondanza a lungo termine delle specie e la conservazione della loro piena capacità riproduttiva.

Attraverso l’alleanza e il contributo delle Organizzazioni che fanno parte della Coalizione, OCEAN2012 si impegna a garantire che la PCP:

recepisca il principio che la sostenibilità ambientale è un obiettivo centrale, senza il quale è impossibile raggiungere la sostenibilità economica e sociale;
riduca la flotta di pesca sulla base di criteri ambientali e sociali;
preveda lo stanziamento di aiuti pubblici per agevolare la transizione a modalità di pesca più sostenibili;
vincoli l’accesso alle risorse ittiche e agli aiuti pubblici al rispetto di criteri ambientali e sociali;
renda i dati sulla pesca degli Stati membri accessibili al pubblico, come ad esempio quelli relativi alle catture, alle flotte e all’adempimento degli obblighi;
impegni le autorità governative a recepire i pareri scientifici.

• 10 Ottobre 2013 – APPELLO AGLI EUROPARLAMENTARI – MEDITERRANEO AL COLLASSO
• 1 Ottobre 2013 – Lettera congiunta indirizzata ai capi delegazione italiani che riprende la nostra posizione sul Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca
• Dal 4 al 12 giugno 2011 la seconda Settimana Europea della Pesca.