L’arte di Maurizio Capone e i Bungt&Bangt
musicista-cantante-compositore, risponde ad una formula musicale semplice, ma geniale che lo accomuna a gruppi provenienti da ogni angolo del mondo come gli americani Stomp, gli australiani Tap Dogs, i coreani Cookin e la Vegetable Orchestra: riutilizzare oggetti comuni della realtà urbana e industriale come bidoni, coperchi, sacchetti di plastica e quant’altro, trasformandoli, a suon di percussioni, in musica (e coreografie) dal ritmo travolgente.
Tutto questo rispecchia la filosofia di Oceanus nel sensibilizzare l’opinione pubblica ad un nuovo modo di vivere il pianeta riciclando in modo creativo!
In occasione dell’International cleanup Day 2009, Maurizio Capone, testimonial Oceanus, ha suonato in uno short live utilizzando come strumenti musicali, da lui reinventati, il materiale di risulta raccolto dai sub!
(Foto © Riccardo Siano per Repubblica)