Si piccolo, questi giochi sono per te! Che sei stato fermo e immobile quando nel buio di notte in quel gommone fradicio d’acqua e terrore ti hanno passato di braccia in braccia fino a toccare terra. Non un solo pianto eppure urlavano tutti. Tu no, occhi sgranati e non un fiato. Spero tu cresca conservando il ricordo delle nostre coccole, di chi ti ha abbracciato e consolato mentre ti cambiava con abiti caldi e asciutti, che tutto questo possa aiutarti a sopportare il ricordo delle bombe, dell’orrore, della miseria di chi ti ha venduto un salvagente falso. Cresci e conserva forte nel cuore che esiste anche il bene che si nutre del tuo sorriso, che esistono persone che hanno smesso di pensare a se stessi, hanno messo da parte famiglia e lavoro e sono corsi ad aiutarti.